«

»

Aug
13

This is why democracy and capitalism are incompatible

Solidarity and collective action are sometimes needed to have a voice in the things that effect your life. Our culture devalues both and promotes individualism and competition instead.

Dismayed by their bankrupt status, Icelanders began to research where their money went and refused to spend money on products that profited the corporations who caused the collapse. Iceland is home to the world’s oldest democracy — standing since 930 — so its people took peacefully to the streets demanding change and educating neighbors on how to maximize their efforts.

Embedded Link

» Iceland Has Jailed Bankers. Why Can’t We?
The people of Iceland are currently doing what Americans can only dream of, dismantling a corrupt political system and arresting the bankers who caused the country's financial collapse in 2008. They h…

Google+: Reshared 32 times
Google+: View post on Google+

40 comments

  1. dora chiabov says:

    Gli abitanti dell'Islanda sono pochissimi  ! Risulta più facile mettersi d'accordo..

  2. maurizio fabrizzi says:

    now and always resistance

  3. Federico Fugazza says:

    Cosa c'entra esser pochi… è che loro sono persi li nell oceano in una zona non strategica. Noi siamo in mezzo all'Europa. Uscire dai vari fondi significa essere soli

  4. Gianluca Cardinali says:

    Meglio soli che male accompagnati

  5. Federico Fugazza says:

    +Gianluca Cardinali ceeeerto come no. Usciti da li non avremmo aiuti da nessuno. Probabilmente nemmeno in borsa. E allora? GRECIA

  6. Holly Vachey says:

    ch siè ditt?

  7. Federico Fugazza says:

    Ma come cazzo parli?

  8. Holly Vachey says:

    in dialetto ch siè ditt? IN ITALIANO che hai detto?

  9. Holly Vachey says:

    che siè stronzo

  10. Federico Fugazza says:

    Bah

  11. Holly Vachey says:

    bah ke è vero

  12. Federico Fugazza says:

    Bah

  13. fabio f.cutrona says:

    Anche qui un buongiorno per tutti,ciao.

  14. Argante Dante says:

    ma che cazzo dai il buongiorno nei tread di discussione?
    O parli dell'argomento oppure evita.
    Ma che gente.

  15. Marco Chiavarino says:

    +Holly Vachey  italiano per piacere. 

  16. fabio f.cutrona says:

    Tu Argante sei un essere,ignorante,ineducato,maleducato,e parli per il semplice motivo che ancora oggi nessuno e dico nessuno ti ha rotto i denti,adesso vai pure dai profani come te sciacqua lattughe,e prima di parlare con me inserisciti una saponetta di sapone in bocca,forse non te ne sei accorto ma ti feta l'alito, ancora un Buongiorno per tutti,ciao. 

  17. Marco Chiavarino says:

    buon Giorno a te +fabio f.cutrona 

  18. Gianluca Cardinali says:

    Gli aiuti finora li hanno avuti le banche,che anziche' finanziare le imprese,reinvestono i soldi degli aiuti per guadagnare sempre di piu'

  19. Argante Dante says:

    Hai ragione +fabio f.cutrona  parlare con la merda ci si sporca. Infatti quando parlo con te parlo da lontano e con un bastoncino.

  20. fabio f.cutrona says:

    Pensiamo che la stessa banca non farà mai un passo se non esiste un introito personale,io la chiama truffa legalizzata,ciao.

  21. Marco Chiavarino says:

    Che battuta del cavolo, se posso esprimermi -.-

  22. Simone Robutti says:

    Dire che il capitalismo e la democrazia sono incompatibili è come dire  che lo sono l'acqua e il bagnato. La democrazia è un'esternazione del capitalismo e si sono diffusi vicendevolmente. Rinunciare ad uno vuol dire rinunciare all'altro (e sarei d'accordissimo, è evidente che la democrazia non funzioni).

    Tuttavia il caso islandese è un'anomalia, dovuta al fatto che in Islanda abitano 320.000 abitanti e possono gestirsi un po' come vogliono. Ci sono fior fior di articoli che spiegano perché non è un modello replicabile su larga scala, senza contare che ora loro non stanno proprio benissimo, nonostante la favola raccontata da voi grillini, rivoluzionari da bar, Che Guevara dell'internet.

  23. Bartolomeo Bo says:

    let's go seeing how much comunism and democracy are compatible, first

  24. Francesco Troiano says:

    DEMOCRAZIA = SOVRANITA' DELLE PERSONE
    CAPITALISMO (COM'E' ADESSO) = SOVRANITA' DELLE BANCHE

  25. Simone Robutti says:

    +Francesco Troiano hai le idee un po' confuse, sopratutto su come si usa una tastiera.

  26. Alessandro De Broi says:

    … l'Islanda è una vittoria per tutti … ma è un piccolo stato con pochissima gente che condivide molti problemi la cosa diviene più difficile quando la popolazione aumenta e con essa anche le contraddizioni e gli squilibri …

  27. Marco ZetaTi says:

    Gli islandesi sono gli unici ad avere avuto le cosiddette PALLE in Europa, mentre gli Paesi hanno ampiamente dimostrato di essere sdolcinatamente zerbini del potere americano e del potere tedesco. Evviva l'Islanda, evviva la libertà!

  28. gm ponte says:

    che stanno a dì?….

  29. carlo tompetrini says:

    simone,tu che hai una capacità notevole di sintesi politico economica,illuminaci.

  30. gm ponte says:

    gli islandesi anno gli " ELFI " a favore, noi abbiamo i santi contrari.

  31. carlo tompetrini says:

    sicuramente si!se per, elfi,s'intende;elementi legati a forza italia,malamente cammuffati,o ancora di più i cosiddetti ,sinistri individui,che facendo da collegamento fra centro e periferia.gettano un" ponte", portando la mente acritica verso il baratro dell'ammasso!

  32. Roberto D'Aloisio says:

    Noi Italiani difficilmente ne siamo capaci….

  33. Chris George says:

    +Bartolomeo Bo Co-operative does not equal communist.

    Giving people more control over the decisions that materially effect their lives is the definition of democracy. In the West we pay lip service to the concept by allowing people to exercise their "democratic rights" by choosing a face for their dictators once every four years or so. 20 seconds of democratic activity every once in a while in the limited realm of political choice does not make up for the coercion of the workplace, the school or the greater society.

    True democracy is anathema to the authoritarianism required to run a capitalist system. A free market requires participants that are not coerced. That is the free part. If people are forced to participate or starve (the core of capitalism) it works out great for those with the capital and not so great for those who must participate.

    Government provides privilege to those with wealth. This is the nature of power and it is epitomized by the concentration of capital in all capitalist systems. Spain has a history of collective action, egalitarianism and the people have learned bitter lessons about what a reliance on government will get you. They rely on their neighbours instead of the state. In the West we rely on nothing, as that is how our elites have manipulated the culture to better serve their interests. Individualism and competition are effective ways to run a frontier society. But once you reach limits, as we have, collective action becomes necessary to avoid class stratification. Doing things that are best for the community instead of what each person feels is best for himself. This is very different from communism. Communism requires an elite (just like capitalism) to direct production (just like capitalism) for the benefit of the elite (just like capitalism). Communism and capitalism are simply two sides of the same coin, with different elites.

    The Spanish Revolution, that Franco crushed with the aid of the liberal democracies of the west, started down this road 80 years ago. Mondragon is the fruit of the ideology and compared to how things appear to be working out for the balance of the people in not just Spain, but Italy, Portugal, Greece, Ireland and soon France, Britain, The US and every other country in the world that has drank the capitalist koolaid, they appear to be on to something.

    The shit is hitting the fan. Do you want to rely on some CEO, who lives thousands of miles away and who keeps all his cash in an offshore bank to make good decisions on you behalf? I would rather work with my community. I have a much better chance of having a say in what happens that way. That is true democracy.

  34. gm ponte says:

    +carlo tompetrini non capisco che "MINGHIA" citi e dici comunque ci tengo a priori a precisare che sono contrario.

  35. fabio f.cutrona says:

    Hahahahahahaha,ciao.

  36. Francesco Troiano says:

    Ribadisco che il casino finanziario in cui ci troviamo è responsabilità delle banche o abbiamo dimenticato da dove tutto è cominciato?
    il crac della Lehman… e l'emissione dei bond 'subprime' (garantiti da mutui ad alto rischio) chi l'ha fatta? le banche o mia nonna?
    quindi se si vuole parlare nel merito delle cose partecipo volentieri alla discussione, se poi qualcuno ha solo voglia di provocare gli altri allora non ho tempo da perdere.

  37. fabio f.cutrona says:

    Un buon Ferragosto per tutti,ciao.

  38. Chris George says:

    +Alessandro De Broi The inevitable localization of food, energy and commerce will reverse the viability of the large state. As the centre of power increasingly is unable to maintain control, we will need to rely more and more on these local systems for our needs. This removes that barrier to a more democratic and egalitarian system. Our problem are systemic.

  39. Federico De Vito says:

    I Vikinghi si sono incazzati per benino spalleggiati dagli Inuit hanno fatto la cosa giusta EWWIWA ICELAND

  40. carlo tompetrini says:

    quando lo faremo noi,non'è dato a sapersi,visto che chi dovrebbe,essere e fare gli interessi dei cittadini,và contro quest'ultimi,però è positivo sapere che ci sono popoli e chi li rappresenta ,non'hanno mandato al macero ,la comprensione dei loro interessi,che non sono gli stessi ,della b.c.e. della finanza speculatrice e strozzina della trilateral ,degli interessi monopolistici internazionali,che da sempre affamano i popoli ad ogni latitudine.asta siempre!

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>